Bambini e coronavirus, come comportarsi in spiaggia?

I suggerimenti della pediatra per una vacanza al mare in sicurezza.

Non tutti i genitori quest’anno riusciranno a portare i bimbi al mare, ma i fortunati si staranno forse chiedendo quali siano i comportamenti “sicuri” da adottare in spiaggia per preservare i più piccoli dal rischio di contrarre il coronavirus.

Ecco cosa consiglia la pediatra*

Mare= aria aperta, clima caldo e secco.

Mare e spiaggia sono la cornice ideale per una vacanza “sicura“.
Il clima caldo e secco è l’ideale per rendere più difficile il contagio attraverso le goccioline di saliva.

Distanza sociale tra bambini? Mission impossible

Come si fa ad impedire che due (o più) bambini giochino insieme in acqua e/o in spiaggia?
Pare che i più piccoli siano preservati dal contagio e che, se accade, l’infezione da coronavirus si manifesta in forma lieve. Sono invece agli adulti a dover prestare attenzione alla distanza sociale e a indossare i dispositivi di protezione individuale, quando il distanziamento non è possibile.

Mai sottovalutare l’igiene

Anche al mare, igiene e pulizia (di tutta la famiglia) sono parole chiave.
Quindi resta di fondamentale importanza lavare spesso le mani, soprattutto prima di toccare cibo.
Tenere puliti i giocattoli da spiaggia, cambiare spesso gli indumenti e procedere con la doccia al rientro dal mare, restano buone norme di comportamento anti coronavirus.

Spero davvero che questo articolo possa tornare utile. Grazie per averlo letto.

E tu cosa ne pensi?

*I suggerimenti provengono da un consulto privato con la pediatra della mia bambina.

Commenti