pane-fatto-in-casa

Pane fatto in casa, risparmiare denaro senza rinunciare al gusto!

Vivo in una città in cui il pane arriva a costare più di 4euro al chilo…prepararlo in casa non solo mi permette di risparmiare, ma mi concede una piacevole evasione dai pensieri della vita quotidiana.

Non solo è costoso, ma il pane di questo posto già dal giorno successivo all’acquisto, perde fragranza e diventa stantio…preferisco non acquistarlo, sinceramente.

Ma, mio marito, in particolare, non riesce proprio a rinunciare a questo alimento semplice nel suo genere, che da sempre troneggia sulle nostre tavole con ricette specifiche per ogni regione d’Italia.

E quindi, dopo anni di esperimenti, posso dire di essermi specializzata nella preparazione del pane fatto in casa e con questo video, ho deciso di condividere con voi ingredienti, procedimento e cottura del pane.

Passiamo subito ai fatti.

Ingredienti per un panetto da 1kg e 600gr:

  • 1 kg di farina “0” (o metà bianca e metà integrale o, meglio ancora, 500gr bianca “0”, 250gr integrale, 250gr semola di grano duro)
  •  Lievito (fresco o in bustina, seguire le istruzioni indicate sulla confezione) o pasta madre
  •  Acqua calda q.b.
  •  3 cucchiaini di sale
  •  2 cucchiaini di zucchero

Mescolate farina e sale e disponete il tutto a fontana, su una spianatoia
Diluite lo zucchero in 200ml di acqua calda e versate al centro dell’impasto, iniziando a incorporare la farina.
Continuate ad aggiungere acqua, poco a poco, finchè non avrete raccolto tutta la farina.
Lavorate l’impasto per almeno 20minuti.

NB. Potete effettuare questa operazione anche con un robot elettrico, ma vi confesso che impastare a mano mi rilassa tantissimo.
Quando lavoro il pane a mano, in un primo momento sento i pensieri affollarsi, uno di fila all’altro…ma poi, è come se scivolassero lungo le braccia e si esaurissero per la fatica richiesta dal procedimento.
Impastare a mano mi scarica e lo trovo terapeutico!

In ogni caso, terminato l’impasto, potete scegliere di lasciare lievitare il panetto intero o dividerlo a metà.

A questo punto inizia una fase delicata, la lievitazione che durerà circa due ore.
Lasciate lievitare per un’ora, coprite l’impasto con un telo e in plaid.
Poi fate il primo giro di pieghe, cioè, immaginando che il panetto sia quadrato, tirate i lembi della pasta ai quattro angoli, ripiegandoli su loro stessi.
Lasciate riposare mezz’ora e ripetete le pieghe, questa volta peró solo su due lati.
Trascorsa la mezz’ora, passate il panetto sulla teglia da forno e lasciate ancora mezz’ora.

Ponete nel forno un pentolino o una teglia colma d’acqua (servirà a far riuscire una buona crosta) e accendete a 200gradi.
Poco prima di infornate, abbassate a 180 e cuocete per 15minuti.
Poi riportate la temperatura a 200gradi per altri 15 minuti e infine lasciate che il pane si imbiondisca, alzando il forno a 220gradi per altri 10minuti
Spegnate, sfornate e lasciate raffreddare il pane su una griglia.

Durante la lievitazione e la cottura, il pane sprigiona un profumo intenso che invaderà tutta la casa.
Dicono che il profumo del pane metta di buon umore…io mi trovo d’accordo!
E a proposito di livello dell’umore, leggi gli “Articoli del buonumore“, una rubrica dedicata al tuo sorriso!!

Ti potrebbero interessare anche: