cibi grassi

Tutto ciò che NON dovresti mangiare dopo i 30 anni

Varcata la soglia degli “enta” bisogna fare i conti con un corpo non più giovanissimo, ma niente panico: alimentazione equilibrata ed esercizio fisico  rallentano il processo di invecchiamento!

Beata giovinezza!
Beato il tempo in cui  cibi grassi, zuccheri, alcolici e bevande gassate vengono tollerati dall’organismo senza troppe conseguenze.

Dopo i 30 anni, invece, il metabolismo rallenta e il girovita si allarga. Colpa anche di abitudini alimentari talvolta sbagliate!

Pasti sregolati, cibi pre-confezionati e aperitivi frequenti sono tra i fattori che contribuiscono all’aumento di peso e accelerano l’invecchiamento cutaneo.

Rendersi conto di abitare un corpo non più giovanissimo, che inizia a necessitare di qualche attenzione in più rispetto  al passato, non è
solo una questione di forma fisica, ma anche -e suprattutto- di benessere.

Ma se l’invecchiamento dei tessuti è inevitabile, com’è possibile rallentarlo?

Innanzitutto diminuendo l’assunzione di zuccheri che si nascondono anche in alimenti insospettabili come pane, yogourt, ketchup e bevande gassate, ad esempio.no zuccheri

Leggi anche 4 “veleni” bianchi dell’alimentazione: sono davvero così velenosi?

Proprio le bevande gassate, ricche di zuccheri e di coloranti, vengono considerate acerrime nemiche della fertilità maschile e femminile.
Infatti, gli zuccheri  impattano negativamente sull’ovulazione e possono  influenzare la motilità dello sperma.
Inoltre, il massiccio contenuto di coloranti è ritenuto responsabile dell’insorgere di tumori.

Restando in tema di bevande, dopo i 30 è consigliabile ridurre al minimo (una volta a settimana)  il consumo di superalcolici e birra. birra fresca

Questo perché con il passare degli anni, il nostro corpo non riesce più a metabolizzare l’alcol in modo efficiente.
Inoltre, questa sostanza diminuisce l’idratazione della pelle accelerando così la perdita di elasticità e favorendo l’insorgere delle rughe.
Da evitare anche i carboidrati raffinati in glucosio (es. pane e pasta) che danneggiano il collagene.

Di contro, anche il sale è ritenuto responsabile dell’invecchiamento cutaneo. Attenzione dunque a non esagerare con il condimento a tavola, evitando anche i cibi preconfezionati per i quali non è possibile verificare la quantità di sale.

Se ami mangiare Sushi, probabilmente amerai anche la salsa di soia….Purtroppo, l’alto contenuto di sale di questo condimento aumenta le occhiaie.

Leggi anche Appassionato di Sushi? Ecco quello che (forse) non sai

Benché si dica che mangiare carne rossa faccia male alla salute, questo alimento è ricco di vitamina B12, un antiossidante naturale. Discorso diverso per il bacon:  il 68% delle sue calorie derivano dal grasso, metà del quale saturo che, oltre a contribuire all’aumento di peso e moltiplicare il rischio di malattie cardiovascolari, può causare infiammazioni che favoriscono il processo di invecchiamento.bacon

Se è vero che il benessere passa anche dalla tavola, una corretta alimentazione, da sola, non è sufficiente a mantenersi in forma. Dopo i 30anni l’esercizio fisico diventa un fedele alleato del tono muscolare.

Per reintegrare i liquidi persi durante l’allenamento meglio però non dissetarsi con gli integratori sportivi, anch’essi ricchi di zuccheri e calorie di cui il nostro organimsmo over 30 non ha sicuramente bisogno!

S.