piadina-fatta-in-casa

Piadina fatta in casa: light, veloce ed economica!

Nell’accingermi a preparare la cena, ho pensato di puntare la videocamera e rendervi partecipe della mia preparazione: la piadina fatta in casa!
Una ricetta veloce, light e molto gustosa.

Per preparare questa sfoglia leggera, vi occorrono:

    • 350grammi di farina bianca (o se preferite seguire alla lettera la mia ricetta, 200 gr di farina bianca tipo 0 e 150gr di farina di kamut)
    • 150ml acqua
    • 1 cucchiaino scarso sale
    • 2 cucchiai olio evo

Con questi ingredienti dovreste riuscire a preparare almeno 6 piadine

Procedimento:
Miscelate le farine e il sale
Versate due dita d’acqua in una tazzina e aggiungete i due cucchiai di olio. Mescolate velocemente e versate al centro dell’impasto

N.B. Aggiungere l’olio in questo modo, secondo me è un’escamotage che permette di incorporare questo ingrediente all’impasto in maniera omogenea

Versate l’acqua a filo e aiutandovi con una forchetta, incorporate la farina poco per volta.
Quando avrete esaurito la farina, lavorate l’impasto con le mani, fino a formare il suddetto “panetto”
Dovrete ottenere un impasto liscio e morbido, ma non appiccicoso.

Dividetelo in sei palline e nel frattempo, accendete il fornello a fiamma moderata per scaldare la padella.

Stendete ogni pallina con il matterello tenendo presente che il segreto per una buona sfoglia sta in due fasi, secondo me: la stesura della  (più tirate a sfoglia, migliore sarà la resa della piada) e la temperatura della padella.

Cuocete le piadine una per volta, lasciandole bionde, senza farle bruciare.
Prima da una parte e poi dall’altra, se avrete steso correttamente la sfoglia, inizieranno a sollevarsi delle bolle.

Ponetele in un piatto, una sull’altra, quando sono ancora bollenti.
Il vapore che sprigionano, appena cotte, le aiuterà a mantenersi morbide.

Potete mangiarle a mo’ di pane o farcirle con i vostri ingredienti preferiti.

Conservazione:

Se non le consumate tutte in una volta, mettetele in un sacchetto di carta (come quelli del pane), si conservano al massimo tre giorni.

Controllatele di tanto in tanto, perché proprio quella stessa umidità che le mantiene morbide, può dare luogo alla formazione di muffe.
Se così fosse, mi raccomando di non consumarle.

Buon Appetito!