Copertina data scadenza mancante

E se non c’é la data di scadenza?

Con il tempo, candeggina, make-up, batterie stilo ed altri oggetti di uso comune perdono efficacia e talvolta costituiscono un rischio per la nostra salute o per la nostra incolumità. Anche se privi di data di scadenza, andrebbero regolarmente sostituiti!

Mak-up: andrebbe sostituito in media ogni tre-sei mesi.
In particolare mascara, rossetto e creme per il viso se esposti all’aria una volta aperti, possono essere attaccati dai batteri e causare spiacevoli infiammazioni.
Meglio non rischiare e sostituire regolarmente i cosmetici.

Crema scaduta o con pessimo INCI? Scopri come riciclarla!

Creme solari: in assenza della data di scadenza, meglio gettare via quelle dell’anno precedente (soprattutto se mal conservate) poiché il potere dello schermatore solare potrebbe notevolmente affievolirsi ed esporre la pelle a indesiderate scottature.

I simboli dei cosmetici a volte sono incomprensibili. Forse questo articolo potrebbe tornarti utile per decifrarne alcuni “Cosmetici, cosa rappresentano i simboli sulla confezione?”

Salviettine disinfettanti: potrebbero seccarsi e perdere efficacia.
Per non sprecarle, puoi usarle per spolverare. Basta inumidirle leggermente.

Farina: è bene conservare questo prodotto in un contenitore chiuso ermeticamente altrimenti, soprattutto durante la stagione calda, batteri e piccoli insetti possono renderla poco sicura.

Candeggina: va sostituita dopo 12mesi al massimo.
Oltre questo periodo, l’ipoclorido di sodio in essa contenuto sfuma e il prodotto perde completamente la sua efficacia.

Sai che pulire casa con la candeggina può far male ai bambini? Scopri perché

Casco da moto o da bici: I produttori suggeriscono un periodo massimo di 3-5 anni ma se reduci da un incidente di media o grave entità, il casco va cambiato immediatamente.

Seggiolini per auto:  tendono a deteriorarsi con il tempo o a danneggiarsi per l’eccessiva usura. Quando plastica e imbottitura manifestano i primi segni di cedimento è oppurtuno sostituirli.

Batterie stilo:  se non utilizzate per lunghi periodi vanno sicuramente incontro a un processo di corrosione ed emissione di pericolosi acidi che le rendono definitivamente inutilizzabili e danneggiano il dispositivo in cui erano inserite. E’ buona pratica non lasciarle nell’alloggio dell’oggetto, se il suo utilizzo non è frequente.

Estintore antincendio: oltre al regolare controllo trimestrale, vanno sostituiti dopo massimo 15 anni, pena la totale perdita di efficacia.

Carta: preda molto gradita di umidità e raggi solari che ne alterano inevitabilmente la composizione.
E’ per questo che i musei conservano i volumi storici in ambienti con temperatura e umidità controllate.

Come orientarsi dunque se non c’è una specifica indicazione sulla data di scadenza?
In caso di alimenti e cosmetici, una soluzione potrebbe essere scrivere a mano la data in cui il prodotto è stato aperto per la prima volta. Potremmo così avere un riferimento temporale che permetta di stabilire se quel prodotto è ancora utilizzabile o è il caso di gettarlo via.

Quando si parla di cibo, invece, la data di scadenza è quasi sempre indicata ed è bene rispettarla. Anche se…almeno 10 alimenti possono essere consumati anche dopo la scadenza.

S.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui la pagina Facebook per restare sempre aggiornato!